Donne che invecchiano

Allora, alzino la mano le donne che non si preoccupano delle rughe.  Ce ne sarà qualcuna, non dico di no, ma la maggior parte non credo balli di contentezza quando allo specchio scopre un segno che prima non c’era. Certo che se una, oltre ad essere donna, è anche top-model, posso capire anche certe reazioni eccessive.

Io, invece, alla lettura di questo articolo (www.repubblica.it/2009/03/sezioni/persone/campbell-vecchiaia/campbell-vecchiaia/campbell-vecchiaia.html), ho reagito così.

Nessuna è felice d’invecchiare (o di apparire vecchia), c’è chi la prende con filosofia, altre si adattano, altre ancora non la prendono affatto. E’ una sorte che tocca a tutte e le top-model non fanno differenza, per fortuna. Certo, per queste deve essere più  difficile: la faccia – in senso letterale -  rappresenta il loro patrimonio principale, ma tra questo e comparare una ruga a uno sfregio su un’opera d’arte c’è un mondo di differenza.

Oldwoman - Foto di Remyyy http://www.flickr.com/photos/remyyy/

Oldwoman - Foto di Remyyy http://www.flickr.com/photos/remyyy/

Non è che l’affermazione di Linda Evangelista sia  sconvolgente, è semplicemente stonata, sbagliata, stupida e suona malissimo. Inutile dire che ci sono donne bellissime perché dotate di intelligenza, fascino, senso dell’umorismo e ugualmente piene di rughe; inutile dire che i drammi che possono colpire una donna sono altri, com’è inutile dire che la bellezza esteriore negli esseri umani, a differenza delle vere opere d’arte, non è destinata a durare a lungo, meglio non considerarla come il metro per tutte le misure.

Del mio rapporto con le rughe ne ho raccontato qui. Non è sempre un rapporto sereno, specialmente quando si ha un compagno di dieci anni più giovane. Se potessi scegliere però, invece di riempirle, stirarle, cancellarle, vorrei poter decidere quali rughe mostrare; dipendesse da me, conserverei solo quelle causate da tutte le risate e i baci dati negli ultimi quarantadue anni. Quelle provocate dai pianti, ecco, quelle non vorrei averle mai.
Alla fine è vero che le rughe su una faccia sono come le parole scritte sulla pagina di un libro: a saperle leggere raccontano una storia e non sono sicura di voler rinunciare a scriverla.

Ma c’è una cosa che più di ogna altra mi incuriosisce: quale meccanismo ha fatto in modo che sia Repubblica.it che Corriere.it, i due principali quotidiani online, abbiano ritenuto degna di attenzione la notizia che una modella ha paura di invecchiare tanto da pubblicarla entrambi in prima pagina ieri?



Comments

Powered by Facebook Comments

Related posts:

  1. La nuova faccia di Ornella Muti
  2. C’è sempre più bisogno di una Giornata Internazionale contro la violenza sulle donne
  3. Donne divise
  4. Donne che amano (riamate) uomini più giovani
  5. Le conferme che le donne cercano
Postato Da Niki